Home / Storia

Storia

Il Ducato dei vini friulani è nato il 10 ottobre 1972 a Cividale. La scelta del luogo non fu casuale. La storica cittadina si trova infatti al centro di una delle zone vitivinicole più rinomate del Friuli. E dato che Cividale fu la capitale del primo ducato Longobardo venne scelto anche per il nuovo sodalizio il nome di “ducato”, per legare fra loro la nobiltà della storia, del territorio e del suo più importante prodotto: il vino. Il merito della costituzione si deve a benemeriti della viticultura, specialisti del settore, intellettuali, artisti e giornalisti consapevoli che un prodotto di eccellenza come il vino friulano era giusto che venisse fatto conoscere ad un pubblico sempre più vasto grazie all’azione di un sodalizio in grado di promuoverne l’immagine e di allargare la cerchia degli intenditori che già conoscevano i suoi pregi. fondatori1E’ stato così che un nucleo di fondatori, avvalendosi delle straordinarie doti di comunicatori di giornalisti come Isi Benini e Piero Fortuna hanno dato origine ad un movimento di valorizzazione del vino prodotto in regione che è rapidamente cresciuto per importanza e notorietà sia in Italia che all’estero, soprattutto dove più viva era la presenza dei nostri emigranti. Dalla fondazione ad oggi, alla guida del Ducato si sono succeduti: Ottavio Valerio, Vittorio Marangone, Alfeo Mizzau, Emilio Del Gobbo, Noè Bertolin (reggente) e Piero Villotta. A quasi 40 anni di distanza si può dire che il Ducato, che ha annoverato ed annovera tra le sue file il Gotha dei produttori, dei ristoratori e di coloro che professionalmente si occupano di vino, ha svolto una funzione di stimolo molto importante con una serie di iniziative che lo hanno imposto all’ attenzione degli operatori e della pubblica opinione.

fondatori2

Nel 1981 il Ducato dei vini friulani ha tenuto a battesimo Asparagus, una iniziativa con cadenza biennale ideata per far conoscere un’ altra eccellenza agroalimentare del Friuli, l’asparago bianco. Le contee. Gli stretti rapporti che fin dalle origini il Ducato ha mantenuto con gli emigranti hanno generato una lunga serie di incontri enogastronomici nel mondo, contribuendo a rinsaldare i rapporti degli emigranti con la terra d’origine e a far conoscere la sua eccellenza enologica nelle nuove regioni di residenza. Sono nate così le “contee” del vino friulano a Toronto, in Canada, ad opera del senatore Peter Bosa e di Primo di Luca, e a Roma, ad opera di Fabrizio Tomada nell’ ambito del Fogolar furlàn, dove ha riunito un notevole numero di personalità di primo piano della vita nazionale. Altre Contee stanno nascendo in Inghilterra, Brasile e Cina. Il ducato e i giovani. Ma oltre ad espandere la sua attività al di fuori dei confini regionali, il Ducato ha anche deciso di estendere le sue finalità istituzionali dandosi l’obiettivo di educare al bere moderato e consapevole, e alla corretta alimentazione, partendo dai giovani. Il Ducato (in collaborazione con associazioni, istituzioni ed enti) ha così inteso farsi promotore, nelle università e nelle scuole superiori, di una serie di corsi e degustazioni per insegnare, con l’aiuto di esperti, come si gustano e come si abbinano i vini, e che ogni alimento è espressione della storia e della tradizione del popolo che lo ha prodotto, che la difesa della propria identità culturale e la battaglia contro la dilagante omologazione consiste anche in un consapevole e peculiare modo di mangiare e di bere, e che la cura della salute, propria e altrui, passa attraverso la consapevolezza e la moderazione dei comportamenti assai più che attraverso norme coercitive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *