Il Ducato dei Vini Friulani

News

Condividi

20 Settembre 2015

Friuli Venezia Giulia: Vendemmia 2015

Di seguito una sintesi sulla situazione della vitivinicoltura regionale, anche alla luce delle considerazioni emerse nell’annuale incontro prevendemmiale organizzato da ASSOENOLOGI FGV (Cà Vescovo, Terzo di Aquileia –UD).

Quantità: si prevede almeno + 10% rispetto vendemmia 2014 (ma dipenderà dai diradamenti effettuati dalle singole aziende)

Rispetto al VINO 2014 HL 1.367.000 (Dati ISTAT) dovrebbero essere raccolti circa QL UVA 2.270.000 pari a HL VINO 1.700.000 e tale dato è influenzato dall’ entrata in produzione di 3.750 ettari di Glera x DOC Prosecco.

Qualità: Ottima sia sotto il profili di maturazione che fitosanitario.

L’ inverno, in Regione FVG, non è stato freddo e solo per complessive tre settimane le temperature sono scese sotto lo zero. Con questa situazione climatica la vite, durante l’inverno, so invernale, ha compiuto un decorso normale. Da gennaio a fine aprile la pioggia caduta è stata scarsa (poco più di 150 mm d’acqua distribuiti in diciassette giorni). In aprile le temperature , sotto la media stagionale, hanno rallentato la germogliazione di un paio di settimane rispetto al 2014. L’andamento climatico primaverile siccitoso ha rallentato lo sviluppo dell’apparato vegetativo della vite e la difesa contro le crittogame è iniziata in ritardo rispetto al 2014. Durante la fioritura le condizioni particolarmente favorevoli hanno permesso ai grappoli di svilupparsi in maniera uniforme e regolare.
Nel mese di luglio, durante il periodo dell’ invaiatura, si è registrato un periodo particolarmente torrido e siccitoso, con temperature spesso prossime ai 40°C ( problemi di siccità e scottature alla vite). Questo anomalo andamento climatico ha rallentato vistosamente il ciclo vegetativo della vite, soprattutto nei vigneti di collina e in quelli sprovvisti d’irrigazione di soccorso. A fine luglio provvidenziali temporali, hanno contribuito ad una accelerazione del il ciclo vegetativo della vite e abbassato le temperature. Nel mese di agosto si è registrato un nuovo caldo africano con ideali escursioni termiche, funzionali al buon corredo aromatico dell’uva. Nella 3^ decade d’agosto lo stato fitosanitario delle uve è perfetto e i trattamenti preventivi, a difesa dei parassiti fungini della vite , sono stati effettuati in numero minore rispetto agli ultimi anni.

Gli insetti: tignole, cicalina e ragno rosso, non hanno dato problemi particolari.
In alcuni vigneti si è riscontrata la presenza di cocciniglia contenuta con interventi “ad hoc”.

L’ epoca di vendemmia, per le uve destinate alla produzione di base spumante, cade nella terza decade di agosto mentre, per varietà precoci: Pinot Nero, Traminer Aromatico, Pinot Grigio e Sauvignon, l’inizio è previsto per la fine di agosto, primi di settembre. Pertanto non differenze sostanziali rispetto ai tempi tradizionali di vendemmia in FVG. La produzione d’uva si presenta superiore di almeno un dieci per cento, rispetto allo scorso anno, con un’ottima resa visto anche le condizioni climatiche di agosto e soprattutto l’eccellente fioritura/allegazione in assenza di precipitazioni .
Questo aumento produttivo si osserva soprattutto nelle varietà di Pinot Grigio, Tocai Friulano, Chardonnay, Cabernet Franc e Merlot mentre, La Glera (Prosecco) fa registrare un incremento dovuto anche ai nuovi impianti nelle zone di pianura , che entrano progressivamente in piena produzione.
Le prime analisi uve/mosti evidenziano buone gradazioni zuccherine , generalmente con minori acidità rispetto alla passata vendemmia (cali piuttosto marcati nelle vigne in cui l’irrigazione di soccorso è avvenuta per 2-3 volte). La 3^ decade di settembre sarà dedicata alla vendemmia di uve a bacca rossa (Merlot e Cabernet) per terminare con la raccolta delle varietà più tardive (Refosco, Terrano, Schioppettino, Pignolo ed uve bianche per vini passiti quali Verduzzo, e Picolit che, meteo permettendo, potrebbero sublimarsi sulla pianta fino a fine ottobre). Per quanto riguardano il mercato delle uve si registra , come negli ultimi anni , notevole interesse per varietà a bacca bianca quali , Glera, Ribolla Gialla, Pinot Grigio e Sauvignon mentre, per le uve rosse, una rinnovata attenzione . rispetto al recente passato, nei confronti di Merlot , Cabernet Sauvignon e Refosco.

Fonte: www.claudiofabbro.it

E.mail: info@claudiofabbro.it

01 Settembre 2020

Premio Ricordo Isi Benini 2020

l Ducato dei Vini Friulani è vicino ormai al mezzo secolo – è stato istituito a Cividale del Friuli nel 1972 –  ma è sempre attivo nella sua “mission” storica: fare conoscere, promuovere e valorizzare…

> Leggi tutto

03 Giugno 2020

Il nostro vino: è il momento di stargli vicino.

Aiutiamo i produttori del Friuli Venezia Giulia: per brindare il ritorno alla normalità acquistiamo i loro vini! L’epidemia Covid-19 ha colpito pesantemente anche il mondo del vino. Migliaia di ettolitri di Friulano, Pinot, Ribolla, Schioppettino,…

> Leggi tutto

24 Febbraio 2020

Asparagus 2020 – rinviato

L’ATTUALE DRAMMATICA SITUAZIONE IN CUI VERSA IL NOSTRO PAESE CHE NON CI PERMETTE DI INTRAVEDERE UNA SOLUZIONE IN TEMPI BREVI, CI COSTRINGE NOSTRO MALGRADO A RINVIARE LA MANIFESTAZIONE ASPARAGUS 2020 AL PROSSIMO ANNO. È in…

> Leggi tutto